Obrazy na stronie
PDF
ePub

11.1:

[merged small][ocr errors][ocr errors]

I SETTE SALMI

PENITENZIAL I.

[ocr errors]
[ocr errors]

Q UESTI Salmi sono così appellati , perchè

essendo stati composti dal Santo Re Davide per uno spirito singolare, dopo che, ravveduto de' suoi eccessi , a penitenza si volse, furono d' infra gli altri dalla Santa Chiesa trascelti e in un posti ; perchè potessero servire d'instruzione, e di norma a coloro che avessero avuta la disgrazia medesima di quel Re, di cadere in peccato. Ne fu tale trasceglimento di essi fatto

o tal luogo in ordine loro dato per accidente

per caso, : ma fu savissima provvidenza di Dio, che la predetta Chiesa sua sposa dirigge in ogni cosa, e governa.

Poichè un Reo è caduto nelle mani della Giustizia , tre affetti gli cadono immantinente nell'animo. Il primo è timore di qualche imminente castigo. Il secondo è compassione del misero stato, in cui è posto : e il terzo è brama di trarsi di mezzo a quella miseria.

[ocr errors]

Ó

[ocr errors]
[ocr errors]

2

[ocr errors]
[ocr errors]
[ocr errors]

Perciò egli si raccomanda ; si umilia ; e si pente ; che è come il quarto passo che dà egli nella sua condotta. La severità del Giudizio, la clemenza del Giudice, e la ferocità degli Avversarj sono quasi tre stimoli che eccitano il Reo a vie più insistere per la remissione : l'uno eccitando in esso spavento; l' altro animandolo alla speranza ; e il terzo conciliandogli la compassione.

A misura di tali passi, per divina 'disposizione furono questi Salmi dalla Chiesa ordinati. Nel primo cerca il Penitente di rimuover da se il più terribile de' castighi. Nel secondo esagera il suo misero stato , per rincontro a quello de' Giusti. Nel terzo, considerata la necessità di convertirsi per uscire di tale stato , se n'eccita, e se

e se n'infiamma la voglia. Nel quarto confessa la colpa sua umilmente; con sentimento di dolor la ritratta ; e ne chiede il perdono. Negli ultimi tre , sollecita , e insta per lo stesso perdono : nel quinto rappresentando il suo spavento per la terribilità del Giudizio : nel sesto dimostrando la sua fiducia nella bontà del Giudice : e nell'altimo proccurandosi la compassione, con esporre principalmente ? arroganza de' suoi Nimici. Le quali cose si parranno ancora più chiare nell' esposizione de medesimi Salmi.

.

[ocr errors]
[merged small][ocr errors][ocr errors][merged small][merged small]

Domine ne in furore tuo arguas me elc.

Psal. 6.

Il titolo', che porta in fronte questo Salmo

2

il quale nel Salterio è in ordine il sesto Per l Ottava. Ma ciò non vuole altro dire salvo che esso fu lavorato

, per cantarsi ai suono di quella Cetra che, per aver otto corde , era dagli Ebrei chiamata Ottava ; e lascia quindi indeciso , ed ignoto il motivo, per lo quale fu composto. Tirando adunque ad indovinare diversi Interpreti , inerendo a' Rabbini , che fosse sì fatto Salmo dettato da Davide , per occasione d' una mortale infermità, da Dio lui mandata , poi ch' ebbe con Bersabea peccato. Ma questa è vana immaginazione e dicevole appunto a' deliranti Rabbini. La Sacra Scrittura (a) abba

stimarono

(a) Lib. Reg. II. Cap. 12. etc.

tenziali.

stanza dichiara , qual pena esigesse Dio da quel Re per lo suo Reato : nè in verun luogo. fa essa menzione di morbo alcun corporale, che gli mandasse. Que' poi , che non seguitano la predetta opinione, sono contenti di dirci , che la Santa Chiesa ha riguardato ognora questo componimento,

come opportunà orazione d' un' Anima peccatrice, che cerca pentita di riconciliarsi con Dio: onde il primo l'ha essa posto de' sette chiamati Peni

Io son persuaso , che questo Salmo fosse composto veramente da Davide, poich' ebbe con Bersabea peccato : e basta il leggerlo, per esserne pienamente convinto. Ma un altro insegnamento di più ha in esso lo Spirito Santo coperto, che non hanno altri osservato. Due generi di castighi ha Dio , co' quali suole i

i peccatori punire : gli uni corporali, che sono le disgrazie, le malattie , la povertà , e simili:

e gli altri spirituali , tra' quali il più tremendo, che adoperi , è di permettere , che , in pena de peccati commessi, ricada il peccatore in nuovi altri. Da questo terribil castigo prega Iddio in questo suo Salmo, il Santo Davide, che esimer lo voglia. E perchè questo è quello,

è che più importare ci dee, e più spaventare d'ogni altra pena : però la Chiesa da Dio spi

« PoprzedniaDalej »