La Gerusalemme liberata, Tom 1

Przednia okładka
Appresso Bossange, Masson e Besson, 1792
 

Co mówią ludzie - Napisz recenzję

Nie znaleziono żadnych recenzji w standardowych lokalizacjach.

Inne wydania - Wyświetl wszystko

Kluczowe wyrazy i wyrażenia

Popularne fragmenty

Strona 201 - Non copre abito vil la nobil luce e quanto è in lei d'altero e di gentile, e fuor la maestà regia traluce per gli atti ancor de l'essercizio umile. Guida la greggia ai paschi e la riduce con la povera verga al chiuso ovile, e da l'irsute mamme il latte preme e 'n giro accolto poi lo stringe insieme5.
Strona 101 - Ma nella bocca ond' esce aura amorosa , Sola rosseggia e semplice la rosa. XXXI. Mostra 'l bel petto le sue nevi ig.nude, Onde il foco d' amor si nutre e desta : Parte appar delle mamme acerbe e crude, Parte altrui ne ricopre invida vesta; Invida, ma s' agli occhi il varco chiude, L' amoroso pensier già non arresta, Che non ben pago di bellezza esterna, Negli occulti secreti anco s'interna.
Strona 44 - Ed oh mia sorte aventurosa a pieno! oh fortunati miei dolci martiri! s'impetrare che, giunto seno a seno, l'anima mia ne la tua bocca io spiri; e venendo tu meco a un tempo meno, in me fuor mandi gli ultimi sospiri.
Strona 74 - Il mio cor, non più mio, s'a te dispiace ch'egli più viva, volontario more: è tuo gran tempo, e tempo è ben che trarlo ornai tu debbia, e non debb'io vietarlo. Ecco io chino le braccia, e t'appresento senza difesa il petto: or che no '1 fiedi? vuoi ch'agevoli l'opra? i' son contento trarmi l'usbergo or or, se nudo il chiedi.
Strona 25 - Intanto il sol, che de' celesti campi va più sempre avanzando e in alto ascende, l'arme percote e ne trae fiamme e lampi tremuli e chiari, onde le viste offende. L'aria par di faville intorno avampi, e quasi d'alto incendio in forma splende, e co' feri nitriti il suono accorda del ferro scosso e le campagne assorda.
Strona 210 - ... n loco il serra oscuro e tetro. // Come il pesce colà dove impaluda / ne i seni di Cornacchie il nostro mare, / fugge da l'onda impetuosa e cruda / cercando in placide acque ove ripare, / e vien che da se stesso ei SI RINCHIUDA / in palustre prigion né può tornare, / che quel serraglio è con mirabil uso / sempre a l'entrare aperto, a l'usciR CHIUSO...
Strona 2 - Musa tu, che di caduchi allori Non circondi la fronte in Elicona, Ma su nel Cielo infra i beati cori Hai di stelle immortali aurea corona; Tu spira al petto mio celesti ardori, Tu rischiara il mio canto, e tu perdona Se intesso fregi al ver, s'adorno in parte D'altri diletti che de
Strona 41 - 1 velo e '1 casto manto è a lei rapito: stringon le molli braccia aspre ritorte. Ella si tace, e in lei non sbigottito, ma pur commosso alquanto è il petto forte; e smarrisce il bel volto in un colore che non è pallidezza, ma candore.
Strona 42 - 1 dispone sì ch'egli si disdica e pensier mute. Oh spettacolo grande ove a tenzone sono Amore e magnanima virtute! Ove la morte al vincitor si pone in premio, e '1 mal del vinto è la salute!
Strona 44 - Ella il ripiglia soavemente, e 'n tai detti il consiglia: —Amico, altri pensieri, altri lamenti, per più alta cagione il tempo chiede. Che non pensi a tue colpe? e non rammenti qual Dio prometta ai buoni ampia mercede? Soffri in suo nome, e fian dolci i tormenti, e lieto aspira a la superna sede. Mira '1 ciel com'è bello, e mira il sole ch'a sé par che n'inviti e ne console. Qui il vulgo de' pagani il pianto estolle: piange il fedel, ma in voci assai più basse.

Informacje bibliograficzne