Il teatro greco

Przednia okładka
Treves, 1918 - 406
0 Recenzje
Nie weryfikujemy opinii, ale staramy się wykrywać i usuwać fałszywe treści
 

Co mówią ludzie - Napisz recenzję

Nie znaleziono żadnych recenzji w standardowych lokalizacjach.

Inne wydania - Wyświetl wszystko

Kluczowe wyrazy i wyrażenia

Popularne fragmenty

Strona 76 - Furie vendicatnci ; e appena queste si assopiscono, le scuote e le incita con amara rampogna ad incalzare il matricida. In mezzo a questa orrida miscela di sentimenti perversi, un affetto sincero, immutabile: Egisto. Pochi tratti, ma rivelatori. Quando i vecchi la minacciano che dovrà scontare il suo delitto, proclama sicura : Sospetto e paura in casa mia non entrerà, finché sul focolare mio la fiamma accenda Egisto, e m...
Strona 246 - Satyros, ita vertere seria ludo, ne quicumque deus, quicumque adhibebitur heros, regali conspectus in auro nuper et ostro, migret in obscuras humili sermone tabernas, aut, dum vitat humum, nubes et inania captet.
Strona 14 - CORO Chi dice esser quest'uomo? e la sua patria? e il vestir? Giun.se con un grande esercito, con guerreschi apparecchi, o inerme e solo, qual mercante randagio sopra straniero suolo, forte cosi, valente e temerario, che fiaccò di tali uomini l'immane possa? Un Dio certo gli regge i passi, perché legge ai violenti ponga: ché difficile a chi ognor si cimenta, è da sventura serbar so stesso incolume.
Strona 79 - Come un lattonzolo convien nutrire un pargoletto, privo di senno ancora. Nulla dice il pargolo, se la fame o la sete, o se bisogno d'urinar lo molesta; e senza legge è dei bambini il piccoletto ventre. Io stavo sempre attenta: e pure, spesso giungevo tardi.
Strona 246 - Mox etiam agrestes Satyros nudavit et asper Incolumi gravitate jocum tentavit eo, quod Illecebris erat et grata novitate morandus Spectator functusque sacris et potus et exlex.
Strona 13 - Ioni signore, ond' è che da la bronzea fauce la tromba un cantico di guerra fe
Strona 321 - Sacre dell'arte armonica eran le avite leggi; | e chi buffoneggiasse, chi uscisse in quei gorgheggi | che piaccion tanto a quelli d'oggidì, della scuola...
Strona 350 - Il personaggio dalla rea memoria che comparir vedrete innanzi a voi non è già quel Nerone delle vecchie tragedie, una figura che spaventa con gli occhi, e lento incede sopra l'alto coturno, e fatti a suono di misura tre passi, dice una parola, anch'essa misurata e prescelta fra le truci di nostra lingua. Il mio Nerone — io dissi mio perchè sono il suo buffone — è un'altra cosa, egli è lieto sempre e buono mai. Ei volentier frequenta co...
Strona 14 - ... valente e temerario, che fiaccò di tali uomini l'immane possa ? Un Dio certo gli regge i passi, perché legge ai violenti ponga : ché difficile a chi ognor si cimenta, è da sventura serbar sé stesso incolume. E il lungo tempo ogni evento matura. EGEO Dice che due mortali l'accompagnano soli; e la spada giù dai fulgenti omeri pende, e due giavellotti ha ne la mano lucidi, e sui crin

Informacje bibliograficzne