Giornale arcadico di scienze, lettere, ed arti, Tom 1;Tom 29

Przednia okładka
Nella Stamperia de Romanis, 1826
 

Co mówią ludzie - Napisz recenzję

Nie znaleziono żadnych recenzji w standardowych lokalizacjach.

Wybrane strony

Inne wydania - Wyświetl wszystko

Kluczowe wyrazy i wyrażenia

Popularne fragmenty

Strona 125 - Come un poco di raggio si fu messo Nel doloroso carcere, ed io scorsi Per quattro visi il mio aspetto stesso, Ambo le mani per dolor mi morsi ; E quei, pensando eh...
Strona 209 - Né mai le chiome del giardino eterno tenera brina o fresca neve imbianca; ivi non osa entrar ghiacciato verno, non vento o l'erbe o gli arbuscelli stanca; ivi non volgon gli anni il lor quaderno, ma lieta Primavera mai non manca, ch'e...
Strona 209 - Dianzi eri d'una fera cacciatore; più bella fera or t'ha ne' lacci involto; dianzi eri tuo, or se' fatto d'Amore, sei or legato, e dianzi eri disciolto. Dov'è tuo libertà? dov'è '1 tuo core? Amore e una donna te l'ha tolto. Ahi come poco a sé creder uom degge!
Strona 120 - Pero non lagrimai ne rispos' io Tutto quel giorno ne la notte appresso, Infin che l'altro sol nel mondo uscio. Com' un poco di raggio si fu messo Nel doloroso carcere, ed io scorsi Per quattro visi il mio aspetto stesso, Ambo le mani per dolor mi morsi: E quei pensando ch...
Strona 236 - Nell' ora che comincia i tristi lai La rondinella , presso alla mattina , Forse a memoria de' suoi primi guai ; E che la mente nostra , pellegrina Più dalla carne e men da...
Strona 206 - Molinari, intiere in quelle secondo la ediz. del 1814 e del '22. * Ma fra tanto studio che intorno vi hanno posto i migliori nostri, fra tante cure di tipografi eziandio diligentissimi, è poi vero che le Stanze del Poliziano vadano affatto scevre da errore? Io non vorrei che mi facessero reo di presunzione confessando sinceramente che a me non pare „. Questa dubitazione del chiariss.
Strona 207 - Mille e mille color' formon le porte, di gemme e di sì vivi intagli chiare, che tutte altre opre sarian roze e morte, da far di sé Natura vergognare. Nell'una è insculta la 'nfelice sorte del vecchio Celio; e in vista irato pare suo figlio, e colla falce adunca sembra tagliar del padre le feconde membra. 98 Ivi la Terra con distesi ammanti par ch'ogni goccia di quel sangue accoglia, onde nate le Furie e...
Strona 215 - Scuoti, meschin, del petto il cieco errore, ch'a te stesso te fura, ad altrui porge: non nudrir di lusinghe un van furore, che di pigra lascivia e d'ozio sorge. Costui che '1 vulgo errante chiama Amore è dolce...
Strona 125 - ... 1 sesto; ond'io mi diedi, già cieco, a brancolar sovra ciascuno; e due dì li chiamai, poi che fur morti: poscia, più che '1 dolor, potè 1 digiuno ». Quand'ebbe detto ciò, con li occhi torti riprese '1 teschio misero co' denti, che furo a l'osso, come d'un can, forti.
Strona 210 - Poliziano vadano affatto scevre da errore? Io non vorrei che mi facessero reo di presunzione confessando sinceramente che a me non pare „. Questa dubitazione del chiariss. Betti per la disamina dei vari testi da me fatta parmi avvalorata e levata al grado di certezza. Che se il Betti aggiunge " Chi dopo la morte del poeta abbia francamente osato por mano nelle elegantissime Stanze, noi so; „ li) anche qui la risposta è in pronto: il corruttore fu mess.

Informacje bibliograficzne